immagini dalla missione

DataTake 073.290

Data: 17 Febbraio 2000
Zona: Isola di Komandor (Russia)

L’immagine relativa alla pi grande delle isole Komandor, situate ad Est della penisola della Kamchatka (circa 55.23 Lat. Nord, 166 Long. Est).

Le immagini presentate sono state generate da un innovativo processore italiano in "real time". Il segnale grezzo originale, ricevuto codificato a quattro bit, viene riformattato e ricodificato ad un bit; in seguito viene elaborato in "real time" con una funzione filtro con codice ad un bit. La convoluzione del filtro stata implementata attraverso un hardware semplice e poco costoso consistente in phase shifters e sommatori. E’ inoltre possibile ridurre la dimensione e la potenza assorbita dal processore tanto da farne un buon candidato per una elaborazione "onboard".

Le quattro immagini presentate rappresentano:

Immagine Radar a Media Risoluzione(MRI): i valori di grigio rappresentano l’ampiezza del segnale ricevuto dal radar; pi forte il segnale, pi luminosa l’immagine. Due immagini di questo tipo sono necessarie per produrre Interferogrammi.

alta.jpg (5254 byte)

jpg_rdi 04.12.50.46_small.jpg (32142 byte)

Interferogramma: i diversi colori rappresentano diversi valori di fase; pi elevata la variazione, pi vicine sono le frange di interferenza. Le curve di livello possono essere ricavate dalle frange di interferenza.

alta.jpg (5254 byte)

jpg_wrf 04.12.50.46_small.jpg (34937 byte)

Digital Elevation Model (DEM)
: una rappresentazione punto per punto dell’altezza della superficie ottenuta dall’Interferogramma; l’altezza aumenta dal blu al rosso.

alta.jpg (5254 byte)

jpg_dem 04.12.50.46_small.jpg (30196 byte)

DEM-3D: vista tridimensionale

alta.jpg (5254 byte)

jpg_dem_3d 04.12.50.46_small.jpg (16919 byte)

Nel DEM-3D si possono osservare i ripidi versanti delle montagne che possono per essere individuati anche dalla vicinanza delle frange di interferenza nell’Interferogramma. La stessa valutazione si pu fare osservando i diversi colori del DEM.

Queste immagini sono state acquisite con la Shuttle Radar Topography Mission (SRTM) a bordo dello Space Shuttle Endeavour lanciato l’11 Febbraio 2000. Per la missione SRTM vengono utilizzati gli stessi strumenti radar che hanno costituito lo Spaceborne Imaging Radar-C/X-band Synthetic Aperture Radar (SIR-C/X-SAR) che hanno volato due volte a bordo dello Space Shuttle Endeavour nel 1994.

La missione stata progettata per acquisire misure tridimensionali di circa l’80% della superficie terrestre. Per collezionare dati 3-D, i progettisti hanno aggiunto un traliccio di 60 metri, una ulteriore antenna in banda C ed altri dispositivi di tracciamento e navigazione. La missione un progetto congiunto tra la National Aeronautics and Space Administration (NASA), la National Imagery and Mapping Agency (NIMA) del U.S. Department of Defense (DoD) e le Agenzie Spaziali Tedesca e Italiana. E’ gestita dal Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, CA, per la NASA’s Earth Science Enterprise, Washington, DC.